iChef

Il 21 gennaio di quest'anno, il colosso informatico con la mela mozzicata pubblica in una recondita sezione del proprio sito Web un comunicato stampa dal contenuto a dir poco sensazionale.

Apple aprirà a Napoli il primo App Development Center d'Europa!

Nel comunicato si legge che il progetto, in sinergia con l'Università Federico II, fornirà agli studenti competenze pratiche e formazione sullo sviluppo di applicazioni iOS.
L'obiettivo sarà quello di supportare gli insegnanti, fornendo, per la prima volta in territorio italiano, un indirizzo formativo specializzato, in grado di preparare i prossimi sviluppatori dell'Apple Store.
In quest'ottica formativa di lungo termine, Apple rende noto che si avvalerà di partner italiani per integrare e arricchire i curriculum dei futuri sviluppatori, creando così ulteriori opportunità per gli studenti, nonché prevedendo un modello di Ricerca e Sviluppo da esportare negli altri Paesi.

apple napoli e-direct

Ora, sulla natura esatta di queste opportunità ancora non ci è concesso sapere molto. Ma ad essere certa sarà la configurazione di un polo tecnologico, un grande incubatore di idee brandizzato che darà slancio e supporto alle prossime e giovani idee imprenditoriali. Infatti fin'ora, l'Apple Store ha fatto sì che il settore dell'App Economy, trend su cui anche E-Direct sta verticalizzandosi, generasse in Europa un mercato da circa 10,2 miliardi, imponendosi come un vero e proprio traino per i fatturati di molti imprenditori e ingegneri. Tim Cook, CEO Apple, si esprime così:

In Europa ci sono alcuni degli sviluppatori più creativi del mondo e siamo entusiasti di aiutare la prossima generazione di imprenditori in Italia ad ottenere le competenze necessarie per avere successo. Il fenomenale successo dell’App Store è una delle forze dietro i 1,4 milioni di posti di lavoro che Apple ha creato in Europa e presenta opportunità illimitate per persone di tutte le età e aziende di ogni dimensione in tutto il continente.

Intanto i rappresentanti istituzionali di turno escono già allo scoperto. Gaetano Manfredi, Rettore della Federico II, ha reso già noto il suo entusiasmo affermando che:

L’investimento della Apple a Napoli è una grande opportunità per la nostra città e per i nostri giovani. Seguiremo con grande attenzione questa iniziativa che si svilupperà in sinergia con la Federico II. L’impegno del governo è fondamentale per rilanciare competenze e opportunità di lavoro qualificato nella nostra regione.

L'investimento della multinazionale americana a Napoli identifica sempre più la Federico II come principale punto di riferimento per gli studenti di informatica, grazie anche alla qualità della sua didattica e alla distanza, sempre più esigua, tra mondo accademico e mondo del lavoro.
Matteo Renzi, invece, ha affermato che la nuova struttura impiegherà circa 600 nuove figure, che si andranno ad aggiungere ai già 75.000 dipendenti impiegati da questa big corporation nel nostro Paese.
In termini occupazionali, i propositi di Apple potranno rivelarsi realmente una grandissima opportunità per la Campania e il Sud Italia, dato che tale progetto si innesterebbe sul territorio con l'obiettivo di dare la possibilità a migliaia di aspiranti App Developer di intraprendere percorsi di studio altamente specializzati e competitivi sul mercato del lavoro, trattenendo, quindi, queste giovani menti innovative nonché i futuri imprenditori proprio in Italia, e in alcuni casi nella propria Regione.

Gli interessati alle future assunzioni Apple e alle opportunità di lavoro attive possono candidarsi visitando la pagina dedicata alle posizioni aperte (Lavora Con Noi) del Gruppo, dalla quale è possibile prendere visione di tutte le ricerche in corso sia in Italia che all’estero, e rispondere online agli annunci di interesse, registrando il cv nell’apposito form online.

Intanto, per via delle ingarbugliate dinamiche del Web, lo scatto del fotografo Ansa Cesare Abbate, risalente al giorno seguente la scomparsa di Steve Jobbs, è diventato retroattivamente virale, ribadendo ancora una volta che...la gastronomia partenopea "pensa differente".

 

E-Direct - Agenzia di Comunicazione Integrata